Visualizza questa mail nel browser

Il Sole 24 Ore
Europa24 - Le storie da sapere per cominciare la giornata

di Alberto Magnani

10 maggio 2020

DOPO LA SENTENZA DI KARLSRUHE

Ci sarà pure un giudice in Europa

Il presidente della Corte costituzionale Andreas Vosskuhle (AFP)

Il presidente della Corte costituzionale Andreas Vosskuhle (AFP)

Le sentenze delle corti non sono sempre dei capolavori di chiarezza. Eppure è stato più facile del solito decifrare quella emessa il 5 maggio dalla Corte costituzionale federale di Karlsruhe, la città del Baden-Württemberg diventata improvvisamente familiare anche al pubblico italiano.

Dietro ai tecnicismi, la richiesta alla Bce di giustificare entro tre mesi la «proporzionalità» del suo quantitative easing (qui un recap del verdetto) ha creato almeno due ordini di problemi.

Da un lato l’ipotesi di uscita dal programma della Bundesbank, primo azionista della Bce, con impatti di tutta evidenza sull’economia continentale e i vari bazooka attivati prima da Mario Draghi e ora da Christine Lagarde.

Dall’altro, un conflitto con pochi precedenti nel diritto europeo tra la Corte tedesca e la Corte di giustizia europea, visto che i giudici di Karlsruhe hanno di fatto sconfessato il verdetto già espresso dal massimo tribunale comunitario sulla stessa questione.

Per approfondire/L’altolà della Corte tedesca sul Qe è un campanello d’allarme per la Bce

Nell’immediato, non si attendono scosse particolari. La Bce, come racconta qui Isabella Bufacchi, ha replicato che «andrà avanti imperterrita» nel suo programma, dando conto solo al Parlamento europeo delle sue strategie.

La Corte di giustizia ha ribadito il primato del suo parere rispetto a tribunali subordinati, incluso quello di Karlsruhe: «Solo la Corte di giustizia istituita a tal fine dagli Stati membri - ha affermato - è competente a constatare che un atto di un'istituzione dell'Unione è contrario al diritto dell'Unione».

Tutto bene? Non esattamente, visto che il problema va più a fondo rispetto al “solo” futuro dei programmi di allentamento quantitativo o le gerarchie della giurisprudenza comunitaria. L’affondo della Corte tedesca, spiega bene Adriana Cerretelli, ha messo in dubbio l’indipendenza della Bce e affermato il principio di sovranità nazionale contro (e sopra) quello del diritto comunitario.

Uno strappo che rischia di alimentare un lungo effetto-domino di conseguenze, da un assist alle forze sovraniste di tutta Europa a uno scontro fra istituzioni capace di minare ulteriormente la tenuta del progetto comunitario. Il Covid-19 starà pure facendo male alla Ue, esacerbando le tensioni venute a galla nelle strategie di contrasto alla crisi (vedi sotto). Ma i suoi problemi nascevano prima, e non si risolveranno dopo la fin dell’epidemia.

ALTRE STORIE

Il presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno (Ansa)

Il presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno (Ansa)

Mes, l’Eurogruppo: prestito agevolato fino a 2% Pile 36 miliardi all’Italia
L'Eurogruppo ha raggiunto una intesa definitiva sull'uso del Mes per finanziare la spesa sanitaria anti-Covid.

Ogni Stato membro potrà spendere fino al 2% del Pil per finanziare la lotta al Coronavirus, ottenendo finanziamenti a tassi agevolati con durata decennale e senza condizionalità di alcun tipo da parte del fondo salva-Stati per l'erogazone dei prestiti, a differenza di quanto avvenuto in passato per i salvataggi di Stati membri come la Grecia.

I prestiti agli Stati del Meccanismo europeo di stabilità saranno pienamente operativi dal giugno. Per l'Italia sono potenzialmente disponibili 36 miliardi di euro.

A proposito...
Perché il Mes conviene all’Italia?
Deflazione o prezzi in forte rialzo, come sarà la ripresa dell’economia?

Ue: recessione record, Italia a -9,5% del Pil
Le stime sulla crescita della Commissione europea non sono mai un appuntamento felice per l’Italia. La crisi del Covid-19, se possibile, le ha rese ancora più indigeste: il braccio esecutivo della Ue prevede un tonfo del 9,5% del Pil italiano nel 2020, a fronte di una discesa dell’economia comunitaria del 7,7% del Pil.

Il 2021 sarà segnato un rimbalzo complessivo del 6,3% per l’Europa e del 6,5% per l’Italia. Meglio contenere gli entusiasmi, però. Come scrive Beda Romano, «la ripresa italiana è migliore della media ma inferiore a quella attesa in Grecia (7,9%), in Francia (7,4%), e in Spagna (7%). In Germania l'economia dovrebbe calare del 6,5% per poi rimbalzare del 5,9%».

Bruxelles vuole un’agenzia europea contro il riciclaggio
La libera circolazione dei capitali può avere effetti collaterali. Ad esempio il riciclaggio di denaro sporco, miccia di diversi scandali bancari nel Vecchio continente. La Commissione europea ha annunciato giovedì 7 maggio l'intenzione di proporre la nascita di una nuova agenzia comunitaria dedicata alla sorveglianza e al contrasto del fenomeno gestito, per ora, a livello nazionale. Nel frattempo, Bruxelles appronterà un codice unico di regole da applicare a livello europeo. Qui i dettagli.

Spread, tutti i perché di una settimana sull’ottovolante

Spread, tutti i perché di una settimana sull'ottovolante

I più letti

1.

Attività all’aperto dal 18 maggio, centri estivi e asili da giugno: pronto il piano per l’infanzia

2.

Fase 2, regioni in pressing: riaprire i negozi dall’11 maggio. Da lunedì comitato di esperti

3.

Corsa ai test sierologici, ma conviene farli? Ecco i pro e i contro

4.

Auto, moto, bici, monopattini: ecco le vere regole per gli spostamenti nella Fase 2

5.

Bonus Inps da 800 euro automatico ad aprile, selettivo a maggio

L'informazione sempre con te, dal lunedì alla domenica. Scopri l'offerta

Daily24 è la nuova newsletter che sostituisce 7:24 con tre diversi appuntamenti:

Morning24, dal martedì al sabato, a cura di Marco Alfieri
Europa24, tutte le domeniche, a cura di Alberto Magnani
Sette24, al lunedì, sarà l'agenda della settimana, a cura di Angela Manganaro

Disiscriviti  |  Newsletter  |  Contatti  |  Privacy Policy  |  Informativa sui Cookie

Facebook Twitter Google+ Instagram Feed RSS

Sei attualmente iscritto con: ${EMAIL}$

Il Sole 24 ORE rispetta la tua privacy.
Per esercitare i tuoi diritti scrivi a: privacy@info.ilsole24ore.com

© Copyright Il Sole 24 Ore Tutti i diritti riservati

$#MSGVIEW#$