Unsubscribe
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Siglato il protocollo d'intesa fra Fondazione Musei Civici di Venezia e Comune di Pordenone
La Presidente della Fondazione MUVE e l'assessore alla Cultura del Comune di Pordenone hanno firmato oggi nella città friulana un accordo per la condivisione di iniziative legate ai rispettivi patrimoni museali.

Nella concomitante e reciproca volontà di valorizzazione del proprio patrimonio museale e del proprio ruolo di conservatori, formatori e promotori culturali, la Fondazione Musei Civici di Venezia e il Comune di Pordenone hanno siglato un protocollo d'intesa.

L'accordo, siglato dalla Presidente della Fondazione Mariacristina Gribaudi e dall'assessore alla Cultura del Comune di Pordenone Pietro Tropeano, prevede lo sviluppo dei legami storici e culturali tra le collezioni, lo scambio di saperi e metodologie, l'individuazione e lo sviluppo di buone pratiche e la ricerca scientifica.

"La cultura è un terreno ideale per creare percorsi condivisi fra diverse istituzioni e amministrazioni - ha dichiarato la Presidente Mariacristina Gribaudi - tanto più quando si tratta, come in questo caso, di soggetti che custodiscono un patrimonio culturale unico. La Fondazione che presiedo ha fra i propri obiettivi il dialogo con la comunità e tra le comunità, come parte di una strategia di apertura al territorio, nel senso più vasto: la città storica lagunare con i nostri undici celebri musei ai quali si aggiunge il Museo Storico Navale, la terraferma con la nostra partecipazione nel Centro Candiani e a Forte Marghera a Mestre, la Città Metropolitana e la regione, e ora questo accordo con Pordenone, Comune di altra Regione ma a noi comunque vicino per progettualità oltre che per geografia. Il mio ringraziamento va a chi ha lavorato alla firma di oggi, nella direzione della creazione di sinergie in campo museale e culturale che siano di sostegno allo sviluppo dei territori".

“Questo accordo – ha rimarcato il sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani - ha una valenza sia culturale che turistica e si inserisce perfettamente nella linea di dialogo avviata dal Comune di Pordenone con le istituzioni veneziane, dall’Amministrazione comunale ai Musei”.

"Pordenone è da sempre legata a Venezia - ha affermato l'assessore Pietro Tropeano - attraverso la sua via d'acqua. Su di essa transitavano merci, ma anche pensieri, lingua, arte, cultura. Oggi questo legame si rinsalda e assume una nuova veste attraverso il legame diretto tra i rispettivi Musei".

Sul piano operativo immediato ci sarà la disponibilità da parte della Fondazione a ospitare a Venezia eventi legati alle attività espositive dei musei di Pordenone, con la possibilità di concedere opere in prestito gratuito e di collaborare in occasione di iniziative culturali che coinvolgano entrambi i territori e patrimoni museali.

Il protocollo ha durata biennale. Nel mese di giugno sono state definite alcune ipotesi di collaborazione. Per la mostra su Giovanni Antonio de Sacchis detto Il Pordenone, in programma nella città sul Noncello a ottobre con inaugurazione il 24 coi due curatori Vittorio Sgarbi e Caterina Furlan, ci sarà una presentazione a Venezia, da dove arriveranno alcuni prestiti. Altro progetto condiviso sarà un evento del Comune di Pordenone per celebrare i 250 anni dalla nascita di Beethoven (1770-1827).

Pordenone, 28 giugno 2019

Contatti per la stampa
COMUNE DI PORDENONE
Clelia Delponte
T +39 0434 392924
M +39 347 0349679
eventi@comune.pordenone.it
Contatti per la stampa
FONDAZIONE MUSEI CIVICI DI VENEZIA
Valentina Avon

T +39 041 2405257
M +39 348 2331098
press@fmcvenezia.it
Fondazione Musei Civici di Venezia

Piazza San Marco 52
30124 Venezia
+39 041 2405211
www.visitmuve.it

facebook Twitter Instagram Linkedin YouTube

Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e Regolamento UE 679/16 in materia di protezione dei dati personali, le e-mail informative possono essere inviate solo tramite consenso del destinatario. Per inviare segnalazioni, commenti e/o suggerimenti, inviare una email a press@fmcvenezia.it

CF e P.IVA 03842230272

Per non ricevere più i comunicati clicca qui